Blog

6 qualità irrinunciabili del content writing turistico

Guy de Maupassant nel 1884 (Al sole) scriveva che “Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno”.

Chi scrive per il turismo deve essere in grado di anticipare quel “sogno”, stimolando desideri e curiosità.

Quali caratteri deve avere il content writing nel marketing turistico?

  • Essere persuasivo: attraverso la parola scritta è possibile far comprendere il valore del prodotto e le sue suggestioni e attivare il meccanismo di richiesta di preventivo o della prenotazione.
  • Essere creativo e originale: i testi devono essere pensati e scritti esclusivamente per la singola impresa turistica.

  • Essere adeguato al target: l’impresa che pensa di poter accontentare qualsiasi tipo di clientela sta sbagliando approccio in partenza, quindi è bene puntare a “convincere” il segmento di clienti che si possono davvero soddisfare.
  • Essere corretto e trasparente: non basta dire “il migliore hotel della zona…”, ma è necessario spiegare cosa l’hotel offre con semplicità e sincerità, esaltando i vantaggi e i servizi e instaurando una relazione di valore con la clientela duratura nel tempo.

  • Essere attrattivo e funzionale: la traduzione in parole scritte delle emozioni e delle esperienze di viaggio deve avere come obiettivo quello di spingere le vendite e aumentare la visibilità.
  • Essere esaustivo: i testi per il marketing turistico seguono il percorso mentale del lettore (attenzione/interesse/desiderio/azione).

 

Comments ( 1 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *